Letteratura Sportiva

66THAND2ND nuova voce per la letteratura sportiva

Questa è una versione della pagina per dispositivi mobili, vedi pagina originale.

Pescando in giro news sulla letteratura e la cultura sportiva, mi sono imbattutto in un articolo di Affaritaliani.it che parla della nascita di una nuova casa editrice: 66THAND2ND, incrocio tra la Sessatanteseiiesima Strada e la Seconda Avenue a New York, perché la casa editrice vuole essere “un luogo di passaggio, ma anche un indirizzo dove saranno accolti tutti coloro che vorranno abitare questo nuovo progetto editoriale”.
A colpirci favorevolmente è la collana “Attese”, che “accoglie romanzi che hanno lo sport come detonatore della storia, lo sport nella sua dimensione più ideale”. Il primo libro di questa collana sarà “Litania di un arbitro” che racconta la filosofia di Uwe Fertig, un importante arbitro di calcio che, dopo la sentenza del processo in cui è coinvolto, si lancia in un passionale e focoso monologo d’invettiva contro il mondo degli arbitri, della medicina, dei tifosi, con incursioni nei suoi ricordi di un’infanzia trascorsa a Berlino Est. E se la prende anche con il pelato arbitro italiano che è famoso perché somiglia al tizio dell’Urlo di Munch.
La letteratura sportiva ha una nuova voce. La marea monta.