Messi non è Maradona

Versione ottimizzata per lettura su Smartphone (AMP).

Il più grande errore di Maradona è stato credere che Messi fosse lui. Un errore che ha creato le premesse per la figuraccia tattica di ieri. Ieri l’Argentina era una squadra da dopolavoro. Tutti fermi ad aspettare le accelerazioni messiane. Come accadeva nel 1986, secondo un calcio di mille anni fa. L’idea di Maradona era fotocopiare il 1986 e riproporlo grazie alla Pulce. Una difesa bloccatissima (Brown, Cuciuffo e Ruggeri erano tre centrali e Olarticoechea non garantiva una grandissima spinta), centrocampo di lotta con un mediano compassato che moderava i ritmi e faceva muovere a cadenza bassissime la squadra (e qui nasce il primo grande problema: Batista nel 1986 poteva giocare al calcio perché bastava fraseggiare a velocità da dopolavoro nella propria metà campo, mentre con il pressing di oggi Veron è improponibile e Maradona sapeva di non poterlo schierare dopo che lo aveva testato nella prima gara con la Nigeria), un attacco con un centravanti goleador e una seconda punta che svariava. Il nodo e lo snodo è il numero 10. Lì c’era Maradona, che saltava gli uomini e riusciva a non imbottigliarsi mai (anche per la mancanza di pressing). In questo modo apriva spazio per gli altri due attaccanti che trovavano sempre la strada spalancata. Messi invece saltava i primi due e andava ad imbottigliarsi in mezzo a tre avversari che gli negavano tutti gli spazi di passaggio. In questo modo continuava a dribblare, perdendo palla o tirando in porta sbilanciato. Messi non è Maradona perché doveva capire di anticipare il tempo di passaggio, così da coinvolgere gli altri nel gioco e destabilizzare la difesa avversaria. Non è Maradona perché se vicino non gli metti Xavi e Iniesta che portano la palla pulita fino ai 25 metri, Messi non è capace di far muovere la squadra, costretta a stare appresso alle sue briciole. Nel Barcellona può aspettare a sinistra lo svolgimento del gioco e poi accendersi quando la difesa avversaria deve già prendere in carico l’intero fronte del gioco, mentre nell’Argentina, non avendo mediani di costruzione, partiva dal centro e andava a fare confusione sia a destra che a sinistra, bloccando qualsiasi gioco in fascia. Con un Veron, e non con Cambiasso e Zanetti che non avrebbero portato nessuna variante in questo sistema di gioco, questo gioco si poteva attuare, ma la Brujita era da pensione. Sciocco anche il richiamo a Milito, che sa giocare soprattutto in profondità con una batteria di mezze punte che portavano palla senza darla mai nello spazio. Maradona per me ha fatto il massimo con una squadra facilmente disinnescabile.

3 risposte a “Messi non è Maradona”

  1. D’accordo sull’analisi riguardo le idee di Maradona su Messi però forse un allenatore un pò più capace sarebbe riuscito a fare qualcosina in più almeno per quanto riguarda il gioco.

    PS. sei interessato ad uno scambio di link???
    Se si fammelo sapere sul mio blog e provedderò subito ad aggiungerti.

    Ciao 😉

  2. Si adesso ti aggiungo subito.

    Per me Diego ha fatto quello che poteva fare con quegli uomini. Se poi convocava gente che gioca in patria forse il discorso era diverso, ma con gli europei questo era il massimo.

    Grazie

    Ciao

    JVAN SICA

  3. Come diceva quel tale, sono completamente d’accordo a metà. condivido il discorso Maradona/Messi, a conferma che salvo qualche eccezione i grandissimi giocatori fanno fatica a capire quelli tutto sommato normali e quindi ad allenare. sulle scelte di maradona invece ci sarebbe parecchio da dire. Mi limito a Samuel in difesa, che sarebbe stato a diro poco utilissimo.
    Morale della favola: secondo me con un allenatore vero questa Argentina andava molto più lontano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *