Reportage sportivo dall’Egitto. La nazionale del 1986 e Tamer Bayoumi dal vivo

Versione ottimizzata per lettura su Smartphone (AMP).

L’Egitto è troppe cose insieme, forse perché i millenni ne hanno segnato il passo, oggi faticoso ma comunque affascinante, nonostante la povertà e il potere con cui è difficile dialogare. Per le strade del Cairo non ci sono mendicanti, ma tutti cercano di venderti un pezzo della loro storia e della loro vita, contrattando con gli occhi di chi vorrebbe tenersi tutto per sé. Di sport ne ho visto un po’, mentre cercavo di riprendermi dallo splendore del deserto verso Abu Simbel. Un canale televisivo su tutti, che festeggiava i suoi 50 anni di vita, trasmetteva vecchie partite, importanti per la storia della nazionale egiziana di calcio. Verso l’1 di notte, mentre fuori si spargeva l’aria che fa del Medio Oriente la terra dove tutto è nato, in tv davano Egitto-Marocco del 17 marzo 1986, semifinale di Coppa d’Africa. L’Egitto in quella edizione partì malissimo, perdendo l’esordio contro il Senegal, ma le vittorie su Costa d’Avorio e Mozambico permisero il passaggio del turno. In queste partite segnò i primi gol Gamal Abdelhamid, che sarà idolatrato e odiato sia dai tifosi dell’el Ahly che da quelli dello Zamalek. La partita contro il Mozambico fu risolta da uno dei più grandi giocatori africani di sempre, Taher Amer Abouzahid. Nel 1981, ai Mondiali di calcio Under 20 in Australia aveva impressionato tutti con la sua classe, divenendo top scorer della manifestazione, ripetendosi 3 anni dopo nella Coppa d’Africa 1984 organizzata dalla Costa d’Avorio, con i Faraoni battuti in semifinale dalla Nigeria ai calci di rigore e nella finalina dall’Algeria, con un 3-1 firmato Madjer, Belloumi, Yahi, Abdelghani per l’Egitto. Abouzahid è stato per anni il faro e il 10 dell’el-Ahly e se ne parli per strada ancora oggi si inumidiscono gli occhi di tutti. Quella semifinale fu decisa da una sua punizione di sinistro davvero stupenda per traiettoria e precisione. Un tiro secco, liscio, veloce, senza scuse. Il Marocco era la sqaudra che farà soffrire agli ottavi la Germania Ovest finalista di Messico 1986.
Per mio grande giubilo, due giorni dopo la stessa televisione propose la finale di quella edizione, giocata allo Stadio de Il Cairo, il 21 marzo 1986. Di fronte i padroni di casa e il Cameroon, campione in carica. Partita più brutta della sfida di semifinale, con la fisicità dei vari Kana Biyik ed Emile Mbouh, abbinata alla classe sopraffina di Nkono e Milla, capace di arginare la forza dell’Egitto e l’urlo del suo pubblico, straripante quel giorno per spingere i Faraoni. Tutto si risolse ai rigori e lo stadio esplose insieme a tutta la città.
Queste le mie esperienze sportive in una terra dove tutto sembra risplendere senza pomposità. Solo un’appendice: nel mio albergo si riuniva la nazionale egiziana di taekwondo per uno stage. Non lo sapevo e vicino a me alla Reception è comparso Tamer Bayoumi, bronzo a Pechino nei 58 kg. A me ha fatto un bell’effetto, alla mia ragazza un po’ meno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *