In questo blog si vede e si discute di sport del passato, si recensiscono libri che hanno come tema la letteratura sportiva, si "poeta" sulle fughe, i goal, i pugni, le sgommate, si apre l'orecchio a chi vuole condividere i ricordi di una vecchia emozione ancora densa e sgocciolante dentro la pancia e la testa

 
 
 
 
 
Random Article
 

 
 


L’era delle squadre vincitutto

0
Posted 3 giugno 2011 by Jvan Sica in serie A

Per il gusto del Bastian contrario (quanto ci piace, addirittura in politica, ma siamo matti?), il bello di sottolineare in rosso le esagerazioni/retoriche/frasi di senso comune del giornalismo sportivo italiano è un nostro filone.
Questa volta il focus si dirige su un dogma espresso alla fine degli anni ’90 e tenuto in vita fino ad oggi: il calcio contemporaneo fa disputare troppe partite impegnative e le rose di cui disporre sono troppo striminzite per essere competitivi nelle diverse competizioni che si disputano.
Bisogna scegliere, Paese o Europa? E abbiamo creato anche le specialiste, il Milan è europeo, la Juve italiana, l’Arsenal è inglese, il Manchester mondiale, e così via.
Dal 2006, solo il Milan ha vinto nel 2007 la sola Champions League, mentre nel 2006, 2009 e 2011 il Barcellona ha bissato Liga e Champions, nel 2008 il Manchester ha fatto il double, nel 2010 l’Inter ha realizzato addirittura la tripletta mourinhana.
Il solito torto marcio degli addetti ai lavori o è cambiato qualcosa?
La risposta purtroppo non è quella che tutti si attendono: le rose sono sì più ampie e performanti ma in campo vanno sempre gli stessi (Messi e Xavi giocano anche contro l’ultima in classifica, Mourinho non cambia mai i titolari, Ferguson ama ruotare di più ma le partite vere le giocano sempre gli stessi).
L’unica risposta possibile, per non abbandonarsi al fatalismo, è il valore delle due competizioni, una volta ritenute inconquistabili in coppia. Liga e Serie A si sono olandesizzate, basta partire bene e mantenere una velocità di crociera decente per vincere il campionato. Contro le squadre dal nono posto in giù è facile vincere anche con qualche riserva, dal nono in su basta spingere un po’ sull’acceleratore. La Premier League non è facile per i top team come le altre due ma si avvicina.
I grandi team hanno creato delle vere e proprie all stars, in questo caso parlerei di realmadridizzazione. In pochissime squadre di seconda fascia giocano nel loro periodo di carriera migliore buoni/ottimi calciatori. Con la Sampdoria, il Tottenham, il Villareal, i vari Pazzini, Carrick e Rossi giocano fino ai 24/25 anni, poi passano nelle grandi squadre e sbilanciano ancora di più le forze in campo.
I giovani campioni nel calcio non spostano più come prima. Gente che nelle squadre giovanili fa sfracelli, fino ai 24-25 anni sono assolutamente impercettibili (ovviamente Messi non fa testo). Una volta che riescono a dare continuità alle loro prestazioni, come dicevamo, vanno nelle grandi squadre.
La Champions League non è quella di inizio 2000. Il girone è una formalità, mentre agli ottavi becchi o la squadra più debole o quella in crisi. I quarti e le semifinali sono quattro partite in tutto e la fatica si può anche fare. Il secondo girone allungava la competizione, ma soprattutto la rendeva più complicata da affrontare.
Questa la situazione. Cambierà? Se il flair play finanziario sarà fatto rispettare sul serio, il livello generale si alzerà, i giovani campioni possono pure pensare di non correre verso le grandi, le competizioni diventeranno più difficili.


Commenta questo post

0 Comments



Be the first to comment!


Leave a Response



Articoli Recenti
 
 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile, e cookies forniti e gestiti da Google per generare specifici messaggi in base alle abitudini di navigazione e agli interessi dei singoli utenti. Tali cookies non utilizzano, tuttavia, dati sensibili degli utenti.
Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.
Per ulteriori informazioni, e per disabilitare Doubleclick, seguire le informazioni riportate al seguente link: http://www.google.com/intl/it/policies/technologies/ads/

Chiudi