"Prima del calcio di rigore" di Peter Handke

Versione ottimizzata per lettura su Smartphone (AMP).

Un incubo nel passato remoto di un uomo, nelle vergogne di un abisso, sulla superficie di una nazione mai adulta. “Prima del calcio di rigore” di Peter Handke è un attacco a qualsiasi storia narrata, è la mente dell’uomo alle prese con il tempo presente, nella Germania occidentale degli anni ’70, nazione stuprata e che stupra le menti del popolo (l’Occidente è uguale all’Oriente, questo il dogma, altri mezzi uguali risultati).
Libro perfetto dello scrittore prediletto di Wim Wenders, “Prima del calcio di rigore” è l’opera più semplicemente turbinante di Handke, un crollo sempre controllato e mai spropositato nella grazia nera di un assassino, amante, figlio, cittadino, vagabondo nelle disperazioni della normalità più assurda e schizofrenica.
Leggendo ho pensato alle vicende criminal-vouyeristiche di oggi, accadute da sempre ma spesso sotto la lente d’ingrandimento, perché i pruriti degli uomini restano sempre gli stessi. Il portiere protagonista non agisce per noia o istinto, ma per pura volontà d’esistenza, in un mondo che annulla e scarnifica e rende inutili i piccoli desideri raggiunti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *