Se no che gente saremmo di Gianfelice Facchetti

Versione ottimizzata per lettura su Smartphone (AMP).

Chi era Facchetti. Ma anche chi erano i ragazzi che in un tempo diverso da oggi cercavano la loro strada. Il libro di Gianfelice Facchetti sulla storia umana più che atletica del papà Giacinto è un lago pieno vortici, capaci di tirarti a fondo alle cose raccontate. La formazione teatrale riempie il testo di azione, di dialoghi, di “movimento”, direbbero i nuovi critici.
Trovare un buon movimento è difficile ma Facchetti ci riesce grazie al punto di vista, correttamente in prima persona, che dà non solo freschezza ai ricordi ma anche allo stile della narrazione. Raccontare gli affetti forse è un esercizio semplice. Ma non è facile farlo con il cuore tra le mani, come fa l’autore. Il padre è tante cose e raccontarlo è una prova. Superarla vuol dire passarci un significato dato alla vita, la cosa migliore che può fare un figlio.
L’ultima nota riguarda il titolo, “Se no che gente saremmo”, citazione dell’Arpino di “Azzurro Tenebra”. Poiché il libro vuole parlare di valori, più che di uomini, la scelta è geniale. Lo stesso libro intitolato “Facchetti, mio padre” o “Vi racconto Facchetti” sarebbe stato molto diverso.

Una risposta a “Se no che gente saremmo di Gianfelice Facchetti”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *