In questo blog si vede e si discute di sport del passato, si recensiscono libri che hanno come tema la letteratura sportiva, si "poeta" sulle fughe, i goal, i pugni, le sgommate, si apre l'orecchio a chi vuole condividere i ricordi di una vecchia emozione ancora densa e sgocciolante dentro la pancia e la testa

 
 
 
 
 
Random Article
 

 
 


Intervista a Greta Cicolari. "E adesso le Olimpiadi"

0
Posted 24 gennaio 2012 by Jvan Sica in

Quest’estate ha vinto gli Europei norvegesi insieme a Marta Menegatti, portandoci dove nessun’altra coppia di beachers italiani era mai arrivata. E adesso sotto con le Olimpiadi, a cui Greta Cicolari crede….

Greta, sei campionessa d’Europa. Te l’aspettavi?
Ci credevo molto e ho fatto tutto il possibile per conquistare il titolo. Sapevo che era una cosa alla nostra portata ma che un passo falso ci sarebbe costato molto caro.

Prima di partire per la Norvegia quali erano le aspettative e quali gli elementi da migliorare per andare avanti nella competizione?
L’Europeo é una competizione lunga e mentalmente molto impegnativa, giochi una partita al giorno per una settimana. Sapevo che sarebbe stato fondamentale tenere la concentrazione e l’attenzione sempre a livelli altissimi.

Con Marta Menegatti l’intesa è perfetta o pensate di dover limare ancora qualcosa in quanto a sincronismi?
Abbiamo una grande intesa, ma come in tutti i rapporti c’é ancora da migliorare. Non si arriva mai alla fine della strada, bisogna sempre crescere.

L’Italia con voi due ha finalmente una coppia in grado di dire al propria in campo internazionale. Questa responsabilità ti pesa?
Assolutamente no. Quando ho cominciato a giocare a Beach volley l’ho fatto per puntare in alto. Sicuramente più che un peso per me essere così competitive é solamente motivo di orgoglio.

E adesso il mondo. A Roma avete perso agli ottavi una partita sfortunata contro il duo di bronzo Xue-Zhang Xi. Guardandoti indietro, pensi che avreste potuto fare qualcosa di più?
Sinceramente no. Eravamo in un periodo di gran forma fisica e mentale. Arrivavamo da 4 partite vinte per 2-0 con percentuali altissime in tutti fondamentali. Le cinesi sono un avversario molto forte, e a Roma anche loro hanno giocato a livelli altissimi.
Merito a loro di aver fatto una partita più che perfetta.

In estate le Olimpiadi. Che sensazioni hai?
Ho sensazioni molto positive. L’Olimpiade é un torneo molto particolare sotto il punto di vista emozionale. Dovremo essere brave a gestire le nostre emozioni. Ma credo che saremo brave in questo!

Dopo la vittoria europea scommetteresti che potete giocarvela con le brasiliane e le statunitensi?
Sinceramente ce la giochiamo anche ora. Ovvio che ci sono 2-3 coppie che ancora giocano un po’ sopra il nostro livello, ma credo sia solo dovuto all’esperienza di campo che andremo a migliorare in questa preparazione.

Per arrivare a quel livello in cosa bisogna migliorare?
A livello tecnico si può sempre migliorare, ma per essere a livello delle numero 1 bisogna crescere ancora dal punto di vista mentale.


Commenta questo post

0 Comments



Be the first to comment!


Leave a Response



Articoli Recenti
 
 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile, e cookies forniti e gestiti da Google per generare specifici messaggi in base alle abitudini di navigazione e agli interessi dei singoli utenti. Tali cookies non utilizzano, tuttavia, dati sensibili degli utenti.
Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.
Per ulteriori informazioni, e per disabilitare Doubleclick, seguire le informazioni riportate al seguente link: http://www.google.com/intl/it/policies/technologies/ads/

Chiudi