Da dove viene Conte

Versione ottimizzata per lettura su Smartphone (AMP).

Da dove viene Conte? Da dove vengono le idee che propina in ogni partita. Se ci fate caso, il suo centrocampo è spesso diverso e questo scombussola ancora di più le altre squadre. Mhhmhmhmh Rimugino.

La sua storia dice 4-2-4. Allora Ventura, se non Maran. Arriva alla Juve e si rende subito conto che sarebbe meglio far giocare Marchisio che Krasic e allora cambia tutto. Dopo un anno dal momento in cui si fa comprare quattro ali, alla Juve non ne giocano più e chi è rimasto (vedi Pepe, Giaccherini) fa tutt’altro rispetto al pendolo di fascia.

E allora dove andiamo a scavare, da cosa partiamo? Gli unici indizi sono gli allenatori avuti da giocatore.

Il primo, Trapattoni. La carica e la tigna che vuole nei giocatori è proprio quella. Tatticamente siamo lontani ma usare Giovinco alla Vignola e volere un Barzagli Scireizzante qualcosa vuol dire.

Il secondo, Lippi. Lippi arriva alla Juve da un Napoli senza punte che conquista una UEFA insperata. Rifare la stessa cosa alla Juve sembra impossibile e invece ci riesce. Le punte di nome giocano, ma devono fare altro, molto altro. Questa folle esigenza di alterità è tipica di Lippi e Conte l’ha così introiettata nei giocatori che spesso fanno cose molto diverse all’interno dello stesso match.

Il terzo, Sacchi. Il sacchismo è evidente in quell’immagine in cui Conte toglie Krasic e lo cazzea perché non tagliava in fascia come insegnato. In quella partita Krasic aveva giocato bene ed era stato anche pericoloso. Ma fare quello che chiede Conte, come faceva Sacchi, era molto diverso.

Eppure c’è qualcosa che non quadra. Conte ha preso da tutti questi ma sembra venire da un altro ramo.

Forse dall’allenatore che più odia, quello che lo ha messo alla porta alla Juve: Fabio Capello.

Di Capello ha soprattutto la capacità di strizzare il meglio dai giocatori, adattandosi e non adattandoli alle esigenze macro della squadra, esaltando quelle micro di ognuno. Come Capello, Conte è un allenatore che conosce i calciatori, cosa ben diversa da conoscere il calcio.

Chissà se un giorno si sfideranno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *