In questo blog si vede e si discute di sport del passato, si recensiscono libri che hanno come tema la letteratura sportiva, si "poeta" sulle fughe, i goal, i pugni, le sgommate, si apre l'orecchio a chi vuole condividere i ricordi di una vecchia emozione ancora densa e sgocciolante dentro la pancia e la testa

 
 
 
 
 
Random Article
 

 
 


Armstrong e la fine del modello dello sportivo-conquistatore

0
Posted 20 Novembre 2012 by Jvan Sica in USA

Cosa ci dice la fine di Armstrong? Prima di tutto lo stop alla creazione laboratoriale del campione negli Stati Uniti. Con Marion Jones ci sono state le prime scaramucce, con Armstrong la dichiarazione di guerra è inviata. L’Usada non chiude più gli occhi.

Ma il casotto Armstrong è soprattutto conseguenza e in parte causa di una nuova visione dell’eroe sportivo americano. Al di là del texano fatto di sangue solido, anche altri capitani coraggiosi stanno venendo meno. Piccoli esempi: Tiger Woods vince ma non può più nascondere la sua faccia da maniaco, Lindsey Vonn prima sfida gli uomini e poi ha un male di cui non si sa nulla, Micheal Phelps dice assolutamente basta e nonostante abbia avuto avversari, non ha eredi.

Con la cacciata del paradiso di Armstrong è l’intero modello americano dello sportivo-mito, fondato sul superuomo che lotta contro tutto e tutti, a venir meno. A costruire il nuovo mito sportivo non saranno gli avversari, le debolezze da superare, le difficoltà ambientali in cui la vittoria arriva (le grandi narrazioni, al di là degli sport americani, si riferiscono a sportivi che hanno vinto in Europa o in Asia), le ferite della sua storia personale.

Per definire i contorni di queste grandi costruzioni di senso servono molti soldi e grandi sacrifici e diventa troppo rischioso e antieconomico veder svanire un lavoro abnorme in un attimo, a causa di debolezze da uomo e da atleta (con Armstrong era di sistema).

Sempre più in USA sta venendo meno lo sportivo-conquistatore e a ricevere consensi invece è uno sportivo che si fida e affida agli altri per vincere, un atleta che misura in pubblico le sue mancanze e che mostrandole afferma implicitamente di non poterle livellare con la chimica. L’atleta che sta portando avanti questo nuovo modello è Lebron James.


Commenta questo post

0 Comments



Be the first to comment!


Leave a Response



Articoli Recenti
 
 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile, e cookies forniti e gestiti da Google per generare specifici messaggi in base alle abitudini di navigazione e agli interessi dei singoli utenti. Tali cookies non utilizzano, tuttavia, dati sensibili degli utenti.
Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.
Per ulteriori informazioni, e per disabilitare Doubleclick, seguire le informazioni riportate al seguente link: http://www.google.com/intl/it/policies/technologies/ads/

Chiudi