La prima volta – Letteratura calcio

Versione ottimizzata per lettura su Smartphone (AMP).

Letteratura Calcio
Liverpool Juventus – Letteratura Calcio

Questa cosa della nostalgia tenaglia mi ha preso la mano e ho pensato a 100 altri modi di… parlare di calciofilia acuta. Se nel post precedente ricordo i Mondiali dei 14 anni (il Mondiale che il calciofilo ricorda come quello dell’abbandonante passione e totalizzante agonia), mi è venuto alla mente un altro “Noi che”, secondo me (di questo inciso non ero convinto, ma non si sa mai che questo post lo legga una persona normale ), fondamentale.
Qual è, scavando nella memoria verace e non ricostruendo per racconto altrui, il primissimo ricordo di calcio che vi sovviene?
Vi dico il mio così abbiamo un punto di partenza: penso di ricordare me nel passeggino davanti ad un piccolo tv a colori con un centinaio di persone alle spalle l’11 luglio 1982, giorno del mio secondo compleanno e della finale mondiale. Questo è un flash ricostruito. Decine di persone in questi anni mi hanno parlato di me nel passeggino nel bar di Gaiano (il mio paese) in prima fila durante Italia-Germania, così mi sono convinto di avere quell’immagine in testa. Ma non è così. Purtroppo quello non é un mio vero ricordo e mi dà molto fastidio. Non solo perché sarebbe stato bello aprire l’album con la vittoria mondiale ma soprattutto perché, se scavo fino in fondo, il primissimo ricordo che ho di un prato verde riguarda la sera di Juventus-Liverpool all’Heysel. Ricordo la voglia di vedere quella partita che non iniziava mai e il prato verdissimo dove scorrazzavano un po’ tutti tranne i calciatori. Ad un certo punto mio papà mi fa: “Jvan, vatten’ a dorm’ ca riman aja ì a scol” (“Jvan, vai a dormire che domani c’è scuola”, per chi non conosce il gaianese). Quella è la mia prima immagine di calcio, sicuramente non è un granché ma con il conscio ci puoi fare poco.
Le due successive sono del Mondiale 1986, con me sul divano che piangevo per l’Italia eliminata dalla Francia (mia mamma dovette farmi la camomilla), e il palo di Julio Cesar che eliminò il Brasile ai quarti contro la Francia. Ovviamente adesso voglio sapere il vostro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *