L’impossibile mulinare di Froome

Versione ottimizzata per lettura su Smartphone (AMP).

CYCLING-FRA-TDF2013A chi non piace, il ciclismo è lo sport più barboso del mondo. Ore ed ore di poco e niente, con la voce dei telecronisti che diventa una lagna insopportabile in cinque minuti.

A chi piace invece, il ciclismo è lo sport più bello del mondo. L’uomo dentro la natura, a combatterla ma anche a viverla, e poi la fatica, la primordiale battaglia su chi raggiunge prima la meta.
E poi arriva Froome…. e non sai che fare.
Ecco, dicendo questo penso al suo mulinare ininterrotto e, lo dico subito, inumano.
Ricordo un Armstrong ’99 sul Sestriere a mulinare le gambe allo stesso spasmodico e infaticabile modo. Lì venivamo solo dal Campiglio di Pantani e credevamo fosse ancora possibile. Oggi purtroppo di fronte a Froome che va più delle moto mi fermo e abbasso gli occhi.
Ma chi ci potrà mai più credere ad uno sport massacrato dalla cupidigia dell’irreale? Prima ci si dopava per vincere e, facendolo in tanti, sembrava uno sport umano. Oggi, da Armstrong in poi, ci si dopa per impressionare (negli USA come li convinci che il ciclismo è lo sport del futuro se non crei il superuomo spacca-record?) e questo sinceramente fa perdere le speranze.
Oggi, noi amanti del ciclismo sospiriamo. Ricordiamo una ragazza meravigliosa che ci piaceva un sacco ma adesso è così lontana che è meglio lasciar perdere una volta per tutte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *