IL CALCIO AI TEMPI DEL TERREMOTO IN IRPINIA DEL 1980

Il 23 novembre 1980 era domenica e come ogni domenica, principalmente in Italia, era giorno di calcio. Alle 19.34 e per i successivi 90 secondi per un’ampia area che copre buona parte della Campania e della Basilicata divenne il giorno del terrore più cupo e indimenticabile, perché un terremoto di una potenza inaudita (10 gradi della scala Mercalli) distrusse più di 2500 vite e storie.
Io ho vissuto in un paese colpito dal sisma e vi posso assicurare che a distanza di decenni quella paura era ancora tangibile. Poiché le scosse continuarono per anni, i giovani del mio paese lo chiamavano Terry, ma era solo per pensare al futuro e non bloccarsi senza neanche poter respirare nel ricordo del dolore e della paura del passato.
Ma qui vogliamo ricordare quella strage, che oltretutto è continuata per anni per colpa di una strategia generale di aiuti e rimedi assolutamente folle, con le ferite sanguinati ancora oggi, ma anche il calcio di quel periodo, per andare a scovare nel baule nomi, momenti, pezzi di sensazioni.
Quel giorno il calcio c’era e c’era alla grande. La stagione precedente l’Inter di Bersellini era riuscita a tornare al titolo, battendo una Juve che stava dominando il calcio italiano tra la fine degli anni ’70 e l’inizio degli ’80, imponendosi anche in Europa.
Quella stagione però era iniziata come era terminata la precedente, ovvero con un’Inter imponente, capace di dare 4 gol a Udinese e Cagliari e 3 al Napoli (anche se il 26 ottobre aveva perso 2-4 contro la Roma di un Pruzzo triplettista) e una Juve balbettante, che aveva perso in casa con Torino e Bologna e aveva solo pareggiato contro Ascoli, Brescia e Perugia. Il 23 novembre c’è lo scontro diretto al Comunale e io, di quattro mesi appena compiuti, vedo (anche se forse dormivo, chi lo sa) il secondo tempo con mio padre grazie a Domenica Sprint. Papà mi ha raccontato che dopo il gollonzo di Scirea e prima del golaço di Ambu la terra ha tremato.

La Roma di Turone (più in là ci sarà “er gol”), in quel momento prima in classifica, perde a Cagliari per un colpo di testa di Virdis e anche la bella Fiorentina di Paolo Carosi, che lotterà l’anno successivo per lo scudetto, perde a Como 2-1 e sbaglia un rigore nel finale con Antognoni. Il Napoli terminerà terzo e gioca una buona partita a Bologna pareggiandola per 1-1. Volevo farvi vedere la sintesi di quella partita non solo per i gol di Pellegrini e Fiorini, ma soprattutto per la parata di Castellini a fine partita su colpo di testa di Marco Marocchi. Lo Giaguaro era uno spettacolo.

La partita però che più interessa l’area colpita dal terremoto è Avellino-Ascoli, fondamentale già a novembre per la salvezza. Vinceranno i Lupi per 4-2 e insieme al rigore di Brady ci sarà l’unico altro gol “straniero” della giornata, il 2-1 di Juary. Il brasiliano è al suo secondo gol in maglia verde e quando va verso la bandierina e crea il suo rito sciamanico, nasce ufficialmente la “Juarymania”, che ad Avellino e dintorni (porto testimonianze dirette) non è ancora finita. Ho chiesto sulla pagina di Letteratura Sportiva se quell’esultanza fosse davvero una grande novità coreografica e folcloristica e tutti coloro che c’erano mi hanno risposto di sì. Da lì a quello che vediamo oggi poi c’è un mondo intorno.

In Liga inizia proprio quell’anno il dominio basco con le due doppiette firmate dal Real Sociedad e dall’Athletic Bilbao. Ma la squadra di Ormaetxea quel giorno perde contro l’Almeria per 3-2 una partita che i giornali spagnoli esaltano come entusiasmante. Purtroppo non l’ho trovata su youtube e devo accontentarmi di vedere i tabellini e sognare l’ultimo gol di Jesús María Satrústegui, con il suo baffo sapiente che faceva impazzire le difese. Anche l’Athletic perde quel giorno, in casa (al tempo una tragedia e un miracolo) contro il Las Palmas. Eroe del giorno Pepe Juan, altro delantero di culto in Spagna. Anche il Real Madrid era di culto, soprattutto per un centrocampo formato da Stielike, Gallego e Vicente Del Bosque, così come il Barcellona che quel giorno vinse per 2-1 a Zaragoza con primo gol di Bernd Schuster.

Se però c’era un campionato cool al tempo e magari con qualche parabolone ne potevi anche vedere le immagini, era l’Eredivisie. Quel campionato lo vincerà l’AZ e il 23 novembre vince contro il Willem II con secondo gol di un mito, Kees Kist. Il PSV Eindhoven vince 0-3 fuori casa con gol di Willy van der Kuijlen, in attacco insieme ai due Van de Kerkhof. In Francia invece c’era un grande Saint-Etienne, che schierava Platini, Rep, Zimako, Larios, Battiston, Janvion, tanta roba. Eppure quel giorno perse in casa contro il Tours, che a fine anno si salva per 5 punti.  

Il giorno prima del 23 novembre 1980 due grandi partite in First Division: Nottingham Forest-Ipswich Town, con gol finale di John Wark su rigore e soprattutto Liverpool-Aston Villa, squadra che vincerà il campionato, ma quel giorno deve cedere contro i ragazzi di Bob Paisley, perché Kenny Dalglish fa la solita grande partita e una doppietta.

In serie B un interessante Lazio-Lecce, con primo gol assurdo di Carlo Bresciani.

Anche Milan-Foggia 1-1 non male. Rigore di Buriani e pareggio di un Costante Tivelli che si scalda per il gol mitologico di due anni dopo, quando la sua Cavese batte il Milan a San Siro.

E per finire un cabezazo di Bortolo Mutti per la vittoria del Taranto sul Monza.

La domenica successiva l’Avellino va a Pistoia e perde, ma segna il capitano, l’uomo che poi si scoprirà essere stato vicino ai più giovani della squadra e anche alle persone di Avellino che stavano soffrendo, Salvatore di Somma. C’è un P.S. se guardate il video. Vito Chimenti sfiora un gol alla Maradona, ma alla Maradona vero.

Intanto il Partenio diventa eliporto fondamentale per servire soprattutto l’alta Irpinia dove era impossibile arrivare con i camion. I Verdi tornano al Partenio solo il 25 gennaio, quando giocano contro il Bologna. Sarà una vittoria fondamentale per la salvezza, ancora più eroica se si pensa che per lo scandalo Totonero la squadra era partita da -5.

I protagonisti di quella squadra ricordano oggi come il terremoto li ha fatti sentire molto più legati al territorio, martoriato e dimenticato e li ha spronati a dare gioia ad un popolo che, vorrei ricordarlo, ha visto per 10 anni una serie A di buon livello. Posso confermare. Quell’Avellino prima e il Napoli di Maradona dopo hanno fatto scordare la notte che ci avvolse tutti in poco più di un minuto. Poi dici lo sport a che serve.

LA LETTURA: BOSNIA-ITALIA 0-2

Dovevamo vincere contro la Bosnia per arrivare alla Final Four di Europa League e lo abbiamo fatto senza patemi né nervosismi. Del gioco e delle scelte di questa Italia ne abbiamo parlato spesso, per questa partita vorrei solo sottolineare dei piccoli elementi.
In primo luogo la partita di Berardi, non solo autore di un grande gol, ma davvero prezioso nel gioco di uscita dal pressing avversario. Tante volte abbiamo aperto il campo grazie alla sua doppia componente importante per questa funzione specifica: è molto bravo tecnicamente e allo stesso tempo è fisicamente potente. In questo modo sopporta l’aggressione avversaria e sa gestire bene il pallone per farlo uscire col tempo giusto e la giusta direzione verso il centro del campo. Anche qui Mancini è stato bravissimo nel guardare quello che fa al Sassuolo con De Zerbi e a riproporlo.
Secondo elemento. Siamo bravi anche nel variare spartito. Nei primi 20 minuti non siamo riusciti a trovare Insigne e Barella fra le linee, come contro la Polonia. Abbiamo ovviato cambiando rapidamente gioco sul lato debole per poi servire al centro con un cross. È una scelta giusta perché con un centravanti come Belotti che supera fisicamente il diretto avversario, possiamo essere pericolosi anche in questo modo, come è successo in due occasioni.
L’azione-manifesto delle due cose scritte prima arriva al 38’ ed è uno spreco per l’highlight sempiterno. Berardi e Locatelli giocano a doppia corsia sulla destra. L’attaccante del Sassuolo regge l’urto del difensore e con un pregevole tocco serve perfettamente sulla corsa Locatelli, il quale fa tre passi e cambia gioco, dove c’è solo Insigne contro l’avversario diretto. Lo supera con un bellissimo controllo orientato e tira a giro colpendo il palo. Questo è stato in pochissime parole il meglio dell’Italia di ieri.
Un piccolo appunto lo farei sul fatto che l’unico vero grande portatore di palla in velocità che abbiamo è Emerson. Non che sia un difetto, per carità, però avere un calciatore che spesso faccia 20 metri di campo palla al piede è sempre un’arma in più. Ma per avere delle controprove è giusto vedere Barella e Chiesa insieme sulla destra.
Infine Locatelli. In questo momento è un calciatore con la consapevolezza tecnica spagnola, la sintesi pratica tedesca e le idee spesso giuste italiane. Dopo aver dominato il ticket Ruiz-Bakayoko in campionato avevo questo sentore, ma queste due partite contro Polonia e Bosnia lo innalzano davvero verso un altro livello.

LA LETTURA: ITALIA-POLONIA 2-0

La partita contro la Polonia è stata davvero ottima in quanto espressione di un determinato tipo di calcio e anche per alcuni dettagli magari piccoli che però fanno capire quanto alcuni meccanismi siano ormai oliati in Nazionale.
In senso generale ormai siamo i campioni del gioco di posizione. Grazie a un centrocampo ipertecnico, attaccanti esterni che sanno perfettamente entrare nel campo e farsi trovare tra le linee ed Emerson Palmieri, perfetto in quel ruolo di gestione del pallone e non di incursore, tocchiamo davvero vette inaspettate anche solo un anno fa. La nostra quasi perfezione in questo gioco risiede nella capacità che hanno i calciatori di muoversi fra le bande verticali, creando continuamente triangoli di gioco grazie ai quali uscire dal pressing e far avanzare il pallone. Questi meccanismi sono costruiti molto bene e servirebbe solo maggiore velocità per “manipolare” ancora di più l’assetto difensivo altrui per avere un numero maggiore di occasioni pulite. Ma potremmo arrivarci con un periodo intenso di lavoro di gruppo.
Se in senso generale si vede un’impostazione ben congegnata e perfetta per i nostri uomini, anche nei dettagli è evidente una consapevolezza raggiunta. Ad esempio ieri Linetty nel primo tempo ha marcato a uomo in maniera molto stretta Jorginho, ma non abbiamo avuto problemi nel consegnare la palla a Locatelli che ha mosso il gioco, alternando il corto a cambi di gioco veloci sul lato debole. Altro elemento è la bravura e l’intensità nel pressing di recupero nei primi 5 secondi dell’azione avversaria. E se il pressing viene eluso, con gli avversari che riescono ad alleggerire l’azione su difensori e portiere, siamo bravi nel rischierarci con un 4-5-1 che ne impedisce lo svolgimento del gioco in velocità.
Altra cosa molto interessante sono anche le scelte specifiche in relazione all’avversario. Ad esempio, come abbiamo quasi sempre battuto i calci d’angolo. Non con una parabola diretta, in quanto la differenza di stazza con loro era netta, ma giocando in fascia per disordinare la linea e poi tentare un servizio sull’uomo smarcato. In uno di questi schemi, Belotti si è trovato davanti Krychowiak che lo ha steso per il rigore.
Insomma ieri davvero tutto bene, anche se rivedendo con maggiore attenzione alcune fasi della partita si possono notare dei punti deboli, come è normale che sia.
Noi pressiamo bene, con tutta la squadra (ieri Florenzi il migliore in campo in questo aspetto) e con tempi perfetti. Ma non siamo il Liverpool di Klopp e non abbiamo a centrocampo la fisicità di gente come Henderson, Milner, Keita e Wijnaldum. Questo comporta che se un avversario riesce a girarsi con il pallone, direzionandosi verso la nostra porta, i nostri centrocampisti (Jorginho in primis), non riescono nemmeno a rallentarlo. Questo fa sì che si debba muovere un difensore in aggressione e la difesa si disordina. Ieri ci è riuscito solo una volta Moder e ha fato una quindicina di metri palla al piede senza essere letteralmente sfiorato dai nostri centrocampisti. È stato poi Bastoni a metterci una pezza.
L’altro problema ormai lo conosciamo tutti, il calciatore che deve giocare al centro dell’attacco. Guardiola, il padre di questo gioco, al Barcellona alternò due soluzioni: o lasciare libero quello spazio per aprirlo alle incursioni con o senza palla (ma lui aveva Messi e Iniesta), oppure l’altra sua idea fu di riempirlo con un centravanti come Ibrahimovic. Noi non abbiamo Messi e lasciare vuoto quello spazio abbiamo capito che è una soluzione ma non “la” soluzione. Allora serve un attaccante centrale che, come tutti i centravanti nel gioco di posizione, abbia una fondamentale caratteristica tecnica prima che tattica, ovvero quella di saper orientarsi con il pallone nello spazio in grande velocità, controllando il pallone stesso in maniera orientata, per poter poi far fluire il gioco o puntare alla porta. Ogni tocco del pallone da parte del centravanti nel gioco di posizione deve servire o a ricalibrare il gioco tra le bande verticali e orizzontali, oppure a direzionarsi verso la porta avversaria per concludere in velocità, sfruttando lo spazio che la tessitura del gioco a centrocampo ha creato. Se si perde l’attimo per pochezza tecnica, si perde tanto di quello che la manovra è riuscita a creare. Belotti e Immobile sono all’antitesi di questa visione. Non pensano al pallone per orientare se stessi e la manovra nello spazio, ma il primo pensa al corpo dell’avversario per sfruttare la sua potenza, il secondo pensa allo spazio libero, per sfruttare la sua rapidità. Nessuno dei due pensa a muovere il difensore e a creare o sfruttare lo spazio con il pallone.
Come si risolve questo problema? Non lo so.

LA LETTURA: ITALIA-ESTONIA 4-0

La partita contro l’Estonia è stata giocata sempre con lo stesso modello di gioco. L’obiettivo è chiaro e giusto, avere tanti uomini capaci di alternarsi in determinate posizioni, sapendo già quale deve essere il proprio compito e cosa si troveranno una volta scesi in campo.
Il laterale di destra che si accentra e fa alzare il laterale di sinistra che diventa ala, la mezzala sinistra che aiuta il play nella prima costruzione, l’attaccante di sinistra che si muove tanto senza palla nel mezzo spazio, avendo compiti soprattutto di rifinitura, l’attaccante di destra che invece riceve spesso palla sui piedi e cerca di disordinare le difese avversarie con velocità e dribbling. Ormai questo assetto di base è mandato a memoria ed è anche per questo che vinciamo molto facilmente contro squadre modeste come l’Estonia: quando hai un’idea chiara della struttura generale della squadra e pochi ma certi compiti da svolgere poi è facile eseguire.
Ci sarebbe da valutare se tutto questo abbia sempre lo stesso impatto contro squadre più forti, ma per questa analisi mi vorrei fissare su alcune cose viste ieri.
Prima di tutto l’abbondanza che abbiamo in difesa, soprattutto se pensiamo alle vacche magre da cui veniamo. Prendiamo i cosiddetti braccetti di destra. Ne abbiamo almeno quattro convocabili: Di Lorenzo, D’Ambrosio, Florenzi e Izzo. E non è solo la quantità nazionabile a impressionarmi, ma anche il fatto che soprattutto i primi due sono giocatori molto moderni rispetto a quello che vedevamo in Italia fino a tre anni fa, capaci davvero di darci un plus tattico interessante. Se poi ci metti che il terzo gioca nella squadra vice campione d’Europa, vien da sé che siamo messi bene. Dall’altra parte avremmo Chiellini, Romagnoli, Acerbi e Bastoni. Questi quattro sono più diversi fra loro ma tutti degni di nota. Sono sincero: non mi aspettavo che in pochissimo tempo avremmo ristrutturato una difesa per la Nazionale a questo livello e con tanti interpreti.
Altra cosa che è venuta fuori ieri invece è che senza Jorginho purtroppo il nostro centrocampo è troppo disordinato. Non parlo tanto di tattica o di movimenti schematici, ma di scelte e di concetti di gioco soprattutto con la palla. Gagliardini ha giocato al suo passo senza troppo subbuglio, ma ieri sia Tonali che Soriano sono stati troppo confusionari. Pessina ha esordito nella maniera più classica possibile, giocando senza strafare cercando di essere il più pulito ma anche scarno possibile. Con un Verratti che non aiuta l’ordine, io vedo sempre più indispensabile Locatelli, anche se Barella è chiaramente il miglior calciatore italiano al momento. Non saprei come risolverla.
Infine ancora una volta ieri sera mi sono arrovellato sul buco nero chiamato centravanti. Lasagna ha giocato quasi senza toccare palla. Pellegri in venti minuti l’ha toccata una sola volta. Premettendo che Belotti e Immobile giocano sempre abbastanza male in Nazionale e non fanno una figura migliore, mi sale l’ammorbante dubbio che in quella posizione è davvero indispensabile un Firmino che non abbiamo. Un cucitore di gioco, un uomo degli incastri e non delle risoluzioni. In realtà ho dimenticato troppo in fretta il passato prossimo. Una delle migliori partite dell’Italia manciniana è stata giocata in Polonia il 14 ottobre 2018. O meglio quella è stata la partita in cui il calciatore che giocava al centro dell’attacco è stato il più decisivo. E come 9, se così vogliamo dire, in quella partita ha giocato Bernardeschi. Non so se questa potrebbe tornare ad essere l’unica soluzione possibile per avere un calciatore associativo essenziale per il nostro gioco, ma credo non debba essere riposta nel cassetto.