Archivi categoria: Zidane

Francia "Zidane. Una vita segreta" di Besma Lahouri – 32 squadre-32 libri

Disastrata, rinnegata, umiliata, accusata… è la Franciaaaa, canterebbe a pieni polmoni Rino Gaetano, se fosse a 4 mesi dal Mondiale e avesse avuto lo stesso tempo per pensare al calcio come facciamo noi. La squadra è da 10 o da 2, a seconda se scatta l’effetto 2006 e c’è qualcuno che s’inventa di essere Zidane per un mese. In porta Domenech non vuole avere ragione: Frey è il meglio, Coupet da sicurezza, faccio giocare Lloris che nel Lione non fa nulla di particolare, ma al riccio piace. In difesa c’è tutto per andare in guerra: Gallas-Abidal centrali, al massimo Escude, ma Mexes può stare sotto il Cupolone. I terzini sono Sagna ed Evra, gli altri faranno panca. A centrocampo i due Diarra, Lassana più di corsa e Alou di pura interdizione. Gourcuff dovrebbe fare lo Zidane e Ribery ci mette il pepe necessario. Nasri, Toulalan e Flamini anche qui saranno comprimari. In attacco Henry e Anelka appoggiano , uno dei due o insieme, con un Diarra in panca, Gignac, l’uomo forte su cui Raymond ha deciso di puntare. Tra il libri per rappresentare la Francia scegliamo proprio la biografia di Zidane, che tante volte è stato citato nella prima parte.
Se “Zidane. Una vita segreta” di Besma Lahouri non avesse avuto premesse che tirano in ballo addirittura i poteri occulti, sarebbe un buon libro, parzialmente documentato sulla vita da calciatore di Zinedine Zidane (alcuni strafalcioni sono tremendi, tipo quello di pag. 212 che assegna a Zidane il goal dell’1-0 contro il River Plate per la vittoria dell’Intercontinentale juventina nel 1996) e con buoni momenti giornalistici in cui si racconta il dopo calcio di uno che non potrà mai più passare indifferente. Le bozze del libro rubate e cancellate dal computer dell’editore, le minacce alla Lahouri, i muri di omertà trovati in giro per il mondo creano aspettative di contenuto, di stile e intreccio troppo alti per poi cavarsela con un raccontino, magari ben fatto, ma con poca verve. Zidane è un ex campione che chiede molto e dà poco. Non c’è niente di strano, se gli viene concesso tutto quello che chiede. Zidane amministra i suoi affari ed è diventato ormai un’industria. Anche qui niente di strano se gli sponsor hanno bisogno della notiziabilità continua come il pane. Zidane è francese in Francia e arabo in Algeria. L’obiettivo primo del multiculturalismo è proprio questo: ricevere e dare cultura, comprendendone i significati e vivendoli fino in fondo. Ha una moglie che fa affari, una corte che chiede miracoli, strani ceffi che parlano per lui. Se perfino con i calciatori di Lega Pro bisogna stare alle lune dei “manager”, perché il più grande calciatore del mondo per 5 anni buoni non dovrebbe avere i vassalli. Insomma Zidane è un normale campione dell’era post-maradoniana: fulcro di interessi nuovi e globali, con al centro l’immagine per i diversi mercati internazionali. Questo vuol dire presenza, comportamento, performance, tutte componenti da mantenere ad alto livello per 15 anni. Per fare tutto c’è bisogno di un’organizzazione aziendale della propria persona, che va oltre il semplice allenarsi e vivere bene. Serve saper vendersi ai pochi e migliori offerenti. Gli scoop dell’eventuale relazione celata al mondo e della protervia di chi rappresenta Zidane sono sciocchezzuole rispetto ai denti aguzzi di chi Zidane lo vuole per le sue campagne umanitarie. A questo punto nasce il fatidico dubbio: vuoi vedere che la cara Besma conosce così bene i flussi commerciali e comunicativi dell’oggi, che ha deciso di cavalcarli mirando al mistero dell’intoccabile? Vuoi vedere che ha capito come vendere un pezzo di Zidane senza il suo consenso? Besma Lahouri non ha per niente considerato dove viviamo oggi o forse troppo bene?

Ecce Toro di Giuseppe Culicchia


Di regola (o almeno la mia esperienza di lettore lo testimonia) quando si scrive da tifoso un libro per tifosi viene fuori sempre una cosetta, un abbecedario di triti luoghi comuni, un esercizio masturbatorio sulle eventuali emozionanti vibrazioni che l’appartenenza dovrebbe procurare sul lettore. È un dialoghetto con l’altro che si pensa di coinvolgere attraverso lo scambio di codici di identità passionale fuori luogo e noiosi.

Ecce Toro di Giuseppe Culicchia è un libro di un tifoso per tifosi, ma non è tutto questo.

Già nell’analogia nietschiana per la titolazione dei diversi capitioli, Culicchia trova uno stratagemma editoriale per allontanarsi dall’empasse del tifoso militante obnubilato, che magari titola i capitoli: “Il grande destro di Clerici contro il Brescia” oppure “Sacchi e la squadra degli Invincibili” o con ancora maggiore forza mistica “Zidane il (D)dio del pallone in terra”.

Culicchia risolve la forzata retorica del tifoso attraverso gli accostamenti filosofici, ma soprattutto attraverso uno sguardo ampio alle cose che riguardano il Torino società di calcio. Non solo descrizione di partite vissute con l’animo intenso, non solo calciatori ricordati come preci mitologiche, non solo odi verso gli avversari spinti al parossismo razziale. Ecce Toro riesce a parlare del Torino inserendo la passione per una squadra all’interno di un vissuto cittadino e generazionale completo, che smussa le esaltanti parole da innamorato cronico di cui altri libri per tifosi abbondano e le fa diventare soffici carezze verso un amore solido, mai sconclusionato o perso nell’iperreale dell’estasi del tifoso per forza.

Culicchia è innamorato del Torino società di calcio perché fa parte delle sue giornate e non perché ha bisogno di credere in qualcosa, perché gli fa provare emozioni che riesce a descrivere senza eccessi e non alludendo all’impossibilità di decrittare violente passioni finendo per non dire niente, perché vuole che il Torino resti per sempre la squadra che ha conosciuto negli anni ’70, una squadra forte e coscienziosa, coraggiosa e viva, monumentale ma allo stesso tempo popolare.

I capitoli migliori restano quelli in cui la gente del Torino società di calcio e di Torino città si mescolano per le strade, si scambiano parole nel loro dialetto meridionalizzato e si dicono di una voglia di partecipare alla vita della squadra-città. Questo giudizio è in parte (qui lo dico e qui lo nego) allacciato a “Torino è casa mia” (sempre per Laterza), dove tutto questo c’è e trascina il lettore nelle immagini, facendogli chiudere gli occhi. Un bel giochetto riuscito per un libro.

I capitoli simpatici sono quelli in cui sono analizzate le partite più importanti ed emozionanti del Torino, sottolineando i caratteri dei diversi uomini che hanno indossato la maglia o seduto sulla panchina granata (forse qualcosa in più avrei detto su Giagnoni, Castellini e Ferrini).

I capitoli più smorti sono quelli che parlano dell’altra squadra (la Juve è citata solo una volta, con un effetto sfizioso all’inizio, che col tempo crea indifferenza), con la sequela di tabellini dei suoi disastri e di qualche vittoria.

Tutto sommato, però, il libro riesce a sciogliere la paura dell’ennesimo libro per tifosi già dalle prime pagine, per cui la lettura scorre fluida e interessata, senza mai far sorgere il dramma del quesito: “Sto perdendo un sacco di tempo a leggere sto libro quando avrei potuto fare altre cento cose!” E questo è, a prescindere, un gran merito.

Avrei preferito solo che il tono fosse più uniforme, con minori rifugi nel “cronachismo” giornalistico per riempire la pagina e che l’ottica fosse stata costante, magari facendo ancora di più vedere l’importanza del Torino società di calcio nella storia contemporanea della Torino città. I passaggi dove si vive la città con la sciarpa granata indosso sono momenti di letteratura da rileggere. Ricorderemo soprattutto questi.