Archivi tag: Amburgo

Quando Kaltz faceva cose che oggi fa Marcelo

Oggi esaltiamo giustamente i laterali difensivi che entrano nel campo e si sostituiscono alla mezzala o addirittura alla punta esterna. In un altro post ho parlato, pensando a quanto viene estremizzato questo concetto da Sarri con Marcos Alonso, di falso tres, perché ormai il vecchio terzino non deve più “arare” la fascia, come da consueta definizione, ma avere compiti spesso molto importanti di regia e rifinitura, occupando e liberando spazi che sono sempre più importanti per le squadre contemporanee.
Detto questo, qualche giorno fa mi è capitato di vedere la partita di un terzino che nel 1980 già faceva cose del genere. Non è brasiliano, anche se ricordo momenti di Brasile-Italia 4-1 del 1970 in cui Carlos Alberto aveva un’intepretazione del ruolo molto più larga, perché penso che uno dei primi che abbia ridefinito la specie è Manfred Kaltz, terzino destro dell’Amburgo e della Germania Ovest.
L’azione che volevo sottolinearvi inizia nel video seguente al minuto 1:45 dell’amichevole Svizzera-Germania Ovest.
Rummenigge si abbassa da mezzala, smarca Kaltz di tacco che in teoria è il numero 2, ma fa il regista a tutti gli effetti. Ha questi compiti perché altri giocatori polidimensionale come Magath, Hansi Muller e Briegel scalano le posizioni per coprirne le scorazzate. Il suo movimento ad entrare nel campo stordisce così tanto il centrocampo elvetico che ha tutto il tempo per capire lo spostamento di Hrubesch, utilizzarlo come sponda di testa, per appoggiare su Muller con la porta spalancata davanti a sé. L’azione è splendida e tutto inizia con un movimento del laterale difensivo che oggi è sempre più utlizzato.

La più bella partita televisiva della storia

Ricordo perfettamente questa partita. Non solo per le emozioni dei tanti gol e delle tante azioni spettacolari, non solo per il tifo da italiano e nemmeno per i passaggi meravigliosi di Zidane.
Ricordo che tutto acquistò un’enfasi straordinaria grazie ad una regia televisiva davvero memorabile: tutte le emozioni del campo il regista riuscì non solo a mostrarle nel loro divenire ma anche a creare connessioni con i tipi umani inquadrati in panchina e sugli spalti. Riuscì a trasmettere attraverso i volti delle persone su cui staccava le inquadrature tutte le sensazioni che si vivevano durante il match. Una cosa che non ho mai più vissuto.
Qualcuno ricorda questa partita vista in tv?