“Pedalare” di John Foot

Pedalare_John_FootLeggere Foot è puro relax emozionale. Riesce a farti leggere, dopo tutte le volte che lo hai fatto, della Cuneo-Pinerolo dandoti la bellezza della scoperta. Tanti ci provano, pochissimi ci riescono. Ma la cosa straordinaria è il riuscirci senza svisare verso punti di vista strampalati o chiedendo aiuto a mezzo mondo (chi c’era, chi forse c’era, chi non c’era e voleva esserci, ecc.). Scrive con la leggerezza della prima volta e percepiamo il gusto della novità.
“Pedalare” è un libro di scienza e coscienza, ed è di grande onestà intellettuale farlo terminare (o comunque far terminare la parte che possiamo definire sport) nel 1984, nel momento in cui Moser, con Conconi e Ferrari a fargli da guardiaspalle, cerca e trova due record dell’ora a Mexico City. In quel momento non inizia il doping ma ne inizia l’era, l’epoca in cui tutto viene scritto dalla costruzione chimica dell’atleta.
Il ciclismo dei pionieri emerge per quello che ho sempre pensato: il primo vero sport. Anche fra giochi al massacro e pause nelle cascine, il ciclismo dei primissimi crea uno sport e forse lo sport come lo conosciamo oggi.
L’epoca di Coppi e Bartali è una fantastica storia del nostro paese e del dopoguerra, il momento più sincero della nostra identità. Gli anni ’60 con la pista è un altro fatto che abbiamo dimenticato, gli anni di Merckx sono stati coraggiosi e per i tanti che li hanno vissuti, indimenticabili.
Il doping in tutti questi anni c’è sempre stato. Ma veniva dopo l’atleta. Dagli anni ’80 diventa una semplice condizione necessaria per raggiungere l’obiettivo e lo sport ciclismo è diventato una fiction, magari anche piena di colpi di scena, ma così vicina ad un reality che lo puoi vedere mentre fai altro, tanto sai già come va a finire.
Altra cosa: la traduzione è molto ben fatta, non fa perdere quello stile piano che è il plus del libro.

"La corsa del secolo" di Paolo Colombo e Gioachino Lanotte

Come scusa, prima di iniziare a digitarne, vorrei accampare quella ormai classica di Troisi (che è scritta anche sui muri delle librerie Feltrinelli e non mi sembra una gran pubblicità se di mestiere vendi libri): “Loro sono tanti a scrivere, solo io a leggere”. È per questo che è storia di questa settimana la lettura di “La corsa del secolo”, scritto da Paolo Colombo e Giachino Lanotte.
Ne parlo anche se sono fuori stagione, fuori tema e fuori occasione (doveva essere un istant book sui 100 del Giro, ma per fortuna è di più).
Il libro è un excursus sulla storia delle Italie che hanno fatto da sfondo e sostanza alla corsa dei ciclisti. L’alba è vicenda di coraggio e passione, come scritta molte volte, spesso senza questa pulizia documentale. Il bello viene coi campioni, la cui traccia non appesantisce lo scorrere delle pagine. Su Bartali-Coppi restiamo un po’ di più rispetto ai vari Girardengo, Guerra, Binda, ma quello che sono stati per tutti (braccianti lucani inclusi) lo merita. Scivola un po’ via veloce il testo dagli anni ’60 in poi, come a sottolineare una distanza tra quello che è stato un ciclismo non visto e per questo santificato, rispetto ad uno sport che è entrato “nelle case degli italiani” (le virgolette vogliono dire frase fatta e perdita del mistero).
L’analisi storiografica ha una base metodologica ben spiegata anche dagli autori nella prefazione e seguita in alcuni punti del testo, ma il libro, proprio per le premesse e per gli spunti storiografici che ha offerto doveva essere almeno il doppio in pagine. Ma la paura del peso cartaceo (o dello scroll infinito) oggi fa troppi delitti.

"Ancora una volta soffro per il Torino". Intervista a Gianpaolo Ormezzano

Il suo ultimo libro, “Coppi & Bartali (San Paolo Edizioni)” parla delle due figure che nello sport hanno simboleggiato meglio il nostro Paese nel dopoguerra. Oggi chi può essere il simbolo dello sport italiano contemporaneo?

Sicuramente una donna, A piacere fra Idem, Pellegrini, Vezzali. Conosco la Idem e personalmente non ho dubbi: però è di nascita tedesca.

Lei ha spesso riflettuto sul linguaggio giornalistico e “da bar sport” usato per parlare di sport e di calcio in particolare. Che tipo di linguaggio usiamo oggi?

Lo stesso che usiamo per scrivere di tutto il resto: parole troppo libere, frasi spesso criptiche, poca competenza, tanta sentenza, molto interesse, niente amore.

Le tv analizzano lo sport fin nei minimi dettagli. Cosa serve per farsi leggere scrivendo di sport?

Non lo so. Certo che è dura. Se si è Hemingway, va bene anche la cronaca stretta, perché è speciale. Ma il fatto è che ormai nessuno riesce a farsi leggere: d’altronde bastano i titoli, al massimo i sommari. Esistono giornalisti sportivi italiani dei quali si possa indovinare il nome leggendo le prime righe di un suo articolo? Io dico Giani Mura, Emanuela Audisio e mi fermo lì.

Che fase del rapporto “amoroso” sta passando in questo momento con la sua squadra?

La solita fase tremenda, dolente, da tifosi del Toro. Situazione comunque che auguro a tutti perché è molto più produttiva dell’imbecillità di sentirsi qualcuno perché la tua squadra è forte e ricca, anzi è ricca e forte.

I club italiani raccattano un po’ di giovani in giro per il mondo e vecchi giocatori ormai bolliti. È l’inizio della fine o possiamo ripartire dai calciatori italiani?

Dobbiamo ripartire dai calciatori italiani. Ma chi comincia? Francamente, vedo solo un calcio che si avvita sempre più sui suoi difetti, tanto sa di essere immortale, oltre che sapere di possedere la forza di sapersi immorale.

Se il 12 luglio 2010 (magari… vorrebbe dire altra finale mondiale) Marcello Lippi lascia la panchina della Nazionale, chi sarà per lei il nuovo Commissario tecnico?

Non me ne frega niente, anche perché non sono un esperto. E me ne vanto.

Un salto nel futuro. Come immagina il calcio tra 40 anni?

Come oggi, però “migliorato” nell’essere sempre più immorale e intoccabile.

Cosa pensa di questo ciclismo in-credibile?

Che ha il doping perché ha l’antidoping. Gli sport che non hanno il doping sono quelli che non hanno un vero antidoping. Come il calcio. Fra poco il ciclismo sarà l’unica disciplina pulita in mezzo allo sterco del resto dello sport, tutto ipocrita (possibile eccezione l’atletica leggera, che sta facendo un antidoping quasi serio). Fra pochissimo il doping del sangue e quello degli ormoni saranno ridicolizzati dal doping delle cellule staminali, da quello dei trapianti e da quello della genetica. Il doping di oggi apparirà come una cosina gentile, quasi innocua.

Tra instant book, storie leggendarie piene di retorica e libri di grande valore letterario, cosa pensa della letteratura sportiva italiana?

È migliorata in quantità, sta migliorando in qualità. Considerando che noi italiani non abbiamo vera coscienza sportiva, è già miracolosa.

Lei è una delle migliori penne del nostro giornalismo. Quali sono stati suoi riferimenti giornalistici e letterari?

Le migliori penne sono, dicono, le Mont Blanc. Io sono soltanto uno che ama lo sport, gli è riconoscente di tante cose e conosce la lingua italiana per dire di ciò in maniera comprensibile. Ho letto e leggo tantissimo, giornali e libri. Ma non sono assolutamente uno scrittore vero. Sono uno che scrive.

Tre nomi: il miglior calciatore, il miglior ciclista e il migliore atleta a 360° di sempre?

Per l’Italia è troppo facile: Valentino Mazzola, Fausto Coppi e Livio Berruti. Nel mondo non saprei, magari ci sono favolosi campioni di cricket.