Archivi tag: Lucchetta

Rai Olimpica. Presupposti e riflessioni.

Per la RAI è stata dura, come non mai. La sfida (sfida tra molte virgolette, Sky pianifica sulle generaliste) era impari e la Pay Tv ha dato quello che mai nessun altro aveva dato allo sportivo, ma non solo, anche al semplice appassionato.
In un altro post parlerò di Sky, per adesso do le mie idee sulla Mamma.
Il flusso degli sport è stato gestito bene, la diretta degli italiani sempre abbastanza puntuale, le gare “popolari” visibili e un occhio anche alle discipline che rubano gli occhi (beach volley su tutte). Diciamo che si è seguita la scia di Pechino e il telespettatore generalista può ritenersi soddisfatto.
Quello dove la Rai manca e viene stracciata da Sky non è nell’offerta delle dirette. Per chi segue le Olimpiadi, senza arrivare ai picchi maniaci che conosciamo benissimo, la Rai da tutto e di più. Dove non dovrebbe perdere e invece le becca è sulla gestione del contorno, sul corollario, che poi tanto corollario non è.
Sky ad esempio ha messo le mani sull’intera social conversation olimpica, attivando flow d’interesse mai visti in Italia per eventi del genere. Raisport ha tralasciato questa fondamentale onda continuando con i bollettini quotidiani anche sul web.
Sky ha sfruttato al massimo i suoi telecronisti tecnici con ritorni eccezionali in termini comunicativi da parte di Oliva, Rosolino, Veronica Calabrese e Stefano Baldini. La Rai ne ha di migliori (credo sia impossibile arrivare a Cassani, Lucchetta e Pantano) eppure li utilizza in parte, dandogli solo un po’ di spazio nella trasmissione serale. Io avrei costruiti più punti di commento (sono stati abbozzati ma senza continuità e linea d’ordine) e soprattutto avrei aperto la porta dello scambio di idee con i telespettatori, ovviamente tramite i social network ma non solo.
Altra grande forza della Rai sono i bordocampisti. In questo la Rai ha superato di gran lunga Sky che ha schierato ragazzi intraprendenti con cui i campioni però avevano poco feeling. La Pellegrini parla liberamente con la Caporale, con cui ha un rapporto che va al di là della vasca rispetto all’ultimo arrivato di Sky. Qui la Rai ha puntato con sagacia.
Infine il prima e il dopo. Sky prende l’evento e te lo sbatte dentro casa in grande stile. Ma tutto questo da dove viene? Chi sono costoro per cui devo emozionarmi e piangere di rabbia o gioia?
Chi ha visto prima delle gare olimpiche Molmenti, Savani, Galiazzo ma anche Bolt e Agnel, li ha visti obbligatoriamente su Raisport. Tutta questa ricchezza deve essere gestita in un percorso di avvicinamento e post-Giochi ben strutturato, che completa e allarga le esperienze quindicinali olimpiche.
Con la nuova idea del canale all-news tutto questo potrebbe accadere.