Archivi tag: Scirea

Aspettando Atene: i precedenti di Italia-Grecia

di Francesco Gallo

Se diamo per buona la locuzione di Orazio secondo cui Graecia capta ferum victorem cepit, ovverosia: «La Grecia, conquistata dai Romani, conquistò il selvaggio vincitore», e se applichiamo la lezione del grande poeta al calcio, allora la mente non può che tornare all’eterno tentativo dei due Paesi (o se preferite, delle due squadre) di conquistarsi l’un l’altro. Con il pallone tra i piedi, è una sfida che si ripropone decennio dopo decennio, dagli anni Trenta. E in attesa della doppia sfida di qualificazione ai prossimi campionati Europei (8 giugno e 12 ottobre), abbiamo deciso di ripercorrere e raccontarvi la storia delle nove partite disputate tra Italia e Grecia.

25 marzo 1934, qualificazione ai Mondiali (Italia – Grecia 4-0)
Nella primavera del 1934 è quasi tutto pronto per il Mondiale casalingo. Mussolini ha ordinato di non badare a spese pur di offrire alla stampa estera l’immagine di un Paese benestante, felice e stretto intorno al suo condottiero. Tuttavia, le «folle di stranieri appassionati di sport», che tra maggio e giugno arriveranno in Italia, ignorano che il Belpaese conta quasi un milione di disoccupati, ha ridotto i salari del 20% e solo in pochi possono permettersi, una volta al mese, di portare in tavola la carne o il pesce.
Ma il 25 marzo, in pieno stile Panem et circenses, gli italiani hanno di che gioire. Giornata fitta di impegni. Al mattino sono chiamati a presentarsi alle urne per le elezioni e il pomeriggio allo stadio per Italia-Grecia. Visto che sono stati sciolti tutti i partiti politici, fuorché quello di Mussolini, gli elettori hanno il solo compito di porre una croce sul Sì o sul No a seconda della propria volontà nel voler approvare la lista dei deputati designati dal Gran Consiglio Nazionale del Fascismo. In dieci milioni, quasi il 97% degli aventi diritto, quel giorno voterà Sì. Se alle urne il plebiscito è fuori discussione, il timore aleggia sulla remota possibilità che il trionfo politico possa essere oscurato da una clamorosa sconfitta della nazionale azzurra contro la Grecia. Vaccaro e Starace fanno sapere al Duce che non qualificarsi per il Mondiale da giocare in casa è praticamente impossibile. A rafforzare questa idea ci pensa Vittorio Pozzo che nella partita di Milano schiera in campo due novità: il giovane portiere dell’Ambrosiana, Carlo Ceresoli, e un’energica mezzala della Triestina: Nereo Rocco. In attacco: Guaita e Meazza.
Si gioca allo stadio San Siro, il tempio del calcio milanese costruito, per volontà del presidente rossonero Piero Pirelli, alla maniera inglese: tribuna centrale coperta e nessuna pista di atletica a separare il campo dal pubblico. Il calcio d’inizio è alle 15:00. E gli undici azzurri impiegano poco tempo a disfarsi degli inesperti avversari greci: 4 a 0. La larga vittoria porta la firma dell’oriundo Anfilogino Guarisi (brasiliano, il suo vero nome era Amphilóquio Marques Guarisi detto Filò), Ferrari e doppietta di Giuseppe Meazza.

4 marzo 1972, amichevole (Grecia – Italia 2-1)
Gli azzurri di Ferruccio Valcareggi, campioni uscenti dei campionati Europei del 1968, avevano vinto senza preoccupazioni il girone di qualificazione davanti ad Austria, Svezia e Irlanda. La squadra è collaudata, le battaglie del Mondiale messicano sono ancora negli occhi di tutti, ma i primi dubbi sulla tenuta della vecchia guardia azzurra vengono al pettine durante l’amichevole di Atene contro la Grecia.
Zio Uccio dietro si affida al consolidato duo Burgnich-Facchetti; a centrocampo gioca le ultime partite Sandro Mazzola, mentre in attacco, alle spalle di Gigi Riva, gioca l’unica novità della rosa: Claudio Sala, abile interno destro del Torino.
Alla rete di Antoniadis risponde Boninsegna e nel secondo tempo da la vittoria alla Grecia un tiro al volo di Pomonis. È il primo campanello d’allarme del prossimo azzurro tenebra. Gli ultimi fuochi della dittatura dei colonnelli in Grecia hanno colpito anche l’Italia, ma gli italiani appaiono molto più preoccupati della battuta d’arresto della nazionale azzurra rispetto al sequestro dell’ingegner Idalgo Macchiarini, dirigente della Sit-Siemens, da parte di un nuovo gruppo armato extra-parlamentare: le Brigate Rosse. La foto del malcapitato Macchiarini con la pistola puntata sulla guancia e con il cartello al collo con su scritto «Mordi e fuggi! Niente resterà impunito! Colpiscine 1 per educarne 100! Tutto il potere al popolo armato!» farà il giro del mondo dando inizio all’epoca dei sequestri.

30 dicembre 1975, amichevole (Italia – Grecia 3-2)
Fuori al girone ai Mondiali del 1974 e mancata qualificazione agli Europei del 1976. La nazionale azzurra continua a sprofondare nelle tenebre, urge una rifondazione. Bernardini e il giovane Bearzot puntano sui giovani. In attacco, al comunale di Firenze, contro la Grecia, sfoggiano Paolino Pulici e Beppe Savoldi. L’inedita coppia-gol sventa le minacce greche e l’Italia vince 3-2. È il penultimo giorno dell’anno. Si spegne così un 1975 avaro di gioie calcistiche ma che a livello politico e sociale è stato attraversato dal brivido del proletariato al potere, de «I padroni a cuccia» e delle prime avvisaglie del Compromesso storico tra Moro e Berlinguer.

 

6 dicembre 1980 e 14 novembre 1981, qualificazione ai Mondiali (Grecia – Italia 0-2 e Italia – Grecia 1-1)
Lo scandalo ItalCasse e del Totonero; le stragi di Ustica e della stazione di Bologna; la delusione dell’Europeo casalingo e l’unico punticino raccolto durante il Mundialito, accompagnano le due partite contro la Grecia, valide per l’accesso ai Mondiali di Spagna del 1982. La nazionale di Bearzot, nella prima delle due sfide, manifesta la propria superiorità ad Atene. Antognoni e Scirea, firmando lo 0-2, lanciano l’Italia in testa al girone. Ma uno scolorito pareggio al ritorno (1-1), nonostante il bel gol di Bruno Conti, ne complica il cammino. Non danno i frutti sperati gli esperimenti di Dossena mediano e di Selvaggi unica punta. Ci qualifichiamo comunque, un passo dietro alla Jugoslavia. Come sarebbe andata dopo, in Spagna, lo sappiamo tutti.

5 ottobre 1983, amichevole (Italia – Grecia 3-0)
Dopo la vittoria del Mondiale spagnolo, Enzo Bearzot ha avviato un deciso rinnovamento della squadra. Sono rimasti in azzurro soltanto Cabrini e Rossi. Bordon e Galli cercano di raccogliere l’ingombrante eredità di Zoff, mentre Bergomi ormai è diventato l’inamovibile terzino destro. Baresi e Vierchowood formano la coppia centrale, Bagni e Ancelotti dirigono il centrocampo. L’assetto pare funzionare benissimo a Bari, nell’amichevole contro la Grecia. Il netto successo per 3-0, con le reti di Giordano, Cabrini e Rossi è però solo un’illusione: una nazionale vecchia, lenta e prevedibile fallirà clamorosamente la qualificazione agli Europei del 1984 in Francia.

13 marzo 1985, amichevole (Italia – Grecia 0-0)
Esentata dalle qualificazioni per il Mondiale in Messico, l’ultima Italia di Bearzot fa il pieno di amichevoli. Ad Atene, contro la Grecia, il ct campione del mondo preferisce il romanista Tancredi in porta; a centrocampo è il turno di Di Gennaro, il regista del Verona, in accoppiata col reduce Tardelli. Terminerà con un sonnolento 0-0. Anche questa Nazionale è piena di juventini, che due mesi dopo vinceranno la Coppa dei Campioni nella tragica notte dell’Heysel.

8 ottobre 1986, amichevole (Italia – Grecia 2-0)
Dopo il Mondiale messicano, la nazionale è ancora un ibrido. Il nuovo allenatore è Azeglio Vicini. Modesto passato da giocatore, un discreto presente da tecnico. Da responsabile dell’Under 21 non è riuscito a cogliere l’alloro giovanile con la più incredibile fioritura di talenti del nostro calcio: Zenga, Maldini, Berti, Donadoni, Giannini, Mancini e Vialli. Ma quella Nazionale ha fatto di nuovo sognare gli appassionati. Promosso ct della nazionale maggiore, promuove subito Zenga e Donandoni titolari, Ferri è lo stopper. Ma è ancora indeciso se confermare Vialli, Mancini e Ancelotti. La vittoria per 2-0 contro la Grecia nell’amichevole di Bologna, con una storica quanto splendida doppietta di Beppe Bergomi, gli chiarisce le idee. Ed è il primo passo verso un convincente Europeo del 1988.

19 novembre 2008, amichevole (Grecia – Italia 1-1)
Dopo ventidue anni è di nuovo Italia-Grecia. Nell’amichevole di lusso di Atene, il rientrante Marcello Lippi (al posto di Donadoni dopo l’Europeo del 2008) prova un modulo per lui insolito: 4-2-3-1. Schiera in campo De Sanctis al posto di Buffon (a riposo), Chiellini gioca accanto a Cannavaro; sulle fasce Bonera e Grosso, simbolo della vittoria del Mondiale di due anni prima. In mediana giocano De Rossi e Gattuso, poi tre centrocampisti avanzati: Camoranesi, Montolivo e Giuseppe Rossi. In attacco, da solo, Luca Toni. È suo il gol dell’1-1 che fissa il risultato finale in parità. Con questa partita Lippi supera il record di imbattibilità di Vittorio Pozzo, portandosi a 31 partite senza sconfitte sulla panchina azzurra.

 

Il calcio durante il sequestro Moro – Parte 1

Del sequestro Moro ho letto molto, mi intriga per tutte le cose molto pop che ci sono dietro e sono contento che ogni tanto leggo o ascolto chi mi fa sedere e pensare a tutto il dolore che invece c’è dentro.
A tutte le persone che quel tempo lo ricordano bene, al di là del momento del sequestro in via Fani, chiedo sempre dei 55 giorni successivi. Al di là della parte “istituzionale” e d’indagine, mi interessa sapere se ricordano ancora cosa vedevano in tv, che musica ascoltavano, quali fumetti leggevano ed ovviamente se hanno flash calcistici. Mettendo insieme i ricordi di tanti e le testimonianza raccolte soprattutto sul web ho ricostruito il calcio italiano dal 16 marzo al 9 maggio 1978.
Il giorno prima del 16 marzo 1978 era un mercoledì di Coppa e l’Italia si fermò per assistere al ritorno dei Quarti di finale di Coppa dei Campioni fra Juventus e Ajax. In Coppa Coppe il Milan aveva perso al primo turno per un gol in trasferta di Francisco Javier López del Betis Siviglia, mentre in Coppa UEFA una Lazio in crisi di nervi aveva preso 6 gol a Lens nei supplementari dopo il 2-0 dell’andata mentre il Torino era arrivato al terzo turno quando prese la favola Bastia, perdendo all’Armand Cesari” per 2-1 e in casa per 2-3 con un Krimau in grande spolvero. Rimaneva solo la Juve e il 15 marzo fu una notte per cuori forti. Dell’Ajax di Cruyff c’era solo Krol, ma una nuova leva con l’esotico Tschen La Ling e il pratico Ruud Geels faceva comunque paura. All’andata il 1° marzo la partita terminò 1-1. Difesa ad oltranza e incornate olandesi prese tutte da Zoff. Corner all’86’, solita bagarre e gol di pura caparbietà di Van Dord. Il pareggio fa ridere. Tardelli smarca da rimessa laterale Causio che fulmina Schrijvers. Per gli italiani prendere un gol del genere sull’1-0 era come minimo da auto da fé.

Il ritorno, come scritto, si gioca la sera prima del sequestro ed è emozionante. Il maestro di cerimonie è ovviamente Martellini e sentirlo crea brividi come poche altre cose. Segna Tardelli al 21’ da posizione complicata su cross dalla sinistra. Dopo un solito e meraviglioso avvitamento di Bettega su cross di Causio parato in bello stile, nel secondo tempo pareggia proprio La Ling per colpa di errori a catena della difesa juventina. Si va ai rigori e sbaglia subito Gentile, ma Zoff para su Geels e Van Dord, mentre Ling mette fuori. Dei bianconeri non sbaglia più nessuno e Causio dà la semifinale. Di seguito un minuto di Martellini…

https://www.youtube.com/watch?v=vxjwiGt6l94

Sappiamo di sicuro che Aldo Moro non guardò la partita perché restò fino a tardi con i suoi assistenti per parlare della fiducia al governo Andreotti prevista per il giorno dopo.
Il 16 marzo, giovedì, Moro fu rapito e gli uomini della scorta uccisa. A tutti coloro che ho chiesto di quel giorno mi hanno sempre sottolineato l’apocalittica stranezza del dover lasciare il lavoro o la scuola per tornare a casa. Avere messo fra parentesi la propria esistenza quotidiana ha scioccato davvero tutti, il 90% delle persone con cui ho parlato temevano un colpo di stato o almeno una svolta molto conservatrice che desse grande potere alle forze dell’ordine per fronteggiare una situazione che oggi sembra insostenibile e allora si viveva in molti casi con distacco ma che comunque faceva molta paura.
In una situazione del genere la domenica successiva, 19 marzo, proprio in quella Roma devastata e paralizzata dai posti di blocco delle forze dell’ordine e dell’esercito c’era il derby.
Quel 19 marzo i giornali aprirono con la foto di Moro con lo stendardo delle Brigate Rosse alle spalle. Ezio Mauro durante la presentazione del libro di Marco Damilano “Un atomo di verità. Aldo Moro e la fine della politica in Italia” ha detto una cosa illuminante. Per chi ha visto le foto di Moro fino a quel giorno è evidente una sua compostezza tutta democristiana e forse troppo paludata ma anche popolare che lo ha accompagnato e la violenza di una camicia sdrucita con il colletto aperto era il segno di un enorme abuso.

Minuto di silenzio prima del Debry del 19 marzo Immagine via LazioWiki

Come l’animo degli italiani anche il derby romano fu molto triste con le squadre a tre e quattro punti dalla zona retrocessione e la paura che colorava tutto. Arpino su La Stampa parla di “malinconia romana” ma non fa accenno alla vicenda Moro, mentre un accenno l’ho trovato nella cronaca della partita fatta da L’Unità. A firma di Giuliano Antognoli dopo tutte le vicende della partita, il giornalista scrive: “Da ricodare che all’inizio dell’incontro è stato osservato un minuto di raccoglimento in memoria dei cinque tutori dell’ordine assassinati dalle BR. L’iniziativa era stata presa da tutte le società di calcio”. E basta così.
Arpino nella sua rubrica “La nostra domenica” su La Stampa titola “Stretta finale” perchè una Juve con quella forza a quattro punti sul Torino e cinque sul Vicenza non era facilmente raggiungibile. È la Juve della concretezza assoluta che aveva vinto l’UEFA a Bilbao l’anno prima con Benetti, Gentille, Cuccureddu ma allo stesso tempo sta già guardando avanti con i giovani Tardelli, Cabrini e Scirea. Quella domenica di tristezza generale la Juve ospita il Verona “dei vecchietti e di zio Ferruccio” (Vacareggi, sempre da Arpino), mentre il Torino va a giocare sulla “gramigna napoletana”. Delle partite in effetti c’è poco da sottolineare, tranne un gol di assurda irruenza di Pulici al San Paolo:

 

Su un altro campo poi c’è quello che diventerà un grande classico, il gol sbagliato da Calloni in Bologna-Milan 0-0. Andare al minuto 1:13 del seguente video per ammirarlo:

La partita giocata San Siro fra Inter e Perugia non è memorabile se non per la diffusione di un volantino in cui si dava uno dei tanti giudizi su quello che era già l’affaire Moro. I volantini in sintesi sostenevano che il sequestro di Moro era un’azione delle Br a sostegno del PCI e del compromesso storico.
Al di là di questo fatto comunque non riportato, di Moro sulle pagine dei giornali sportivi si parla pochissimo. C’è una stasi catatonica, si parla di calcio, ognuno a proprio modo e ognuno come riesce meglio. Forse lo si fa proprio per restare a galla in quella sensazione di parentesi nazionale di cui ho scritto.
26 MARZO

Dieci giorni dopo il sequestro è Pasqua e arriva il comunicato N.2 delle Brigate Rosse, dove si enunciano i capi d’accusa. Su L’Avanti si scrive: “non si continui a fingere di aver di fronte un gruppetto di disperati, isolati, braccati nella loro pazzia”, mentre L’Unità ribatte “È urgente fermare la mano di questi pazzi criminali”. Da qui PSI e PCI prendono due strade diverse fino alla fine della loro storia.
La vita continuava singhiozzando e volevo riportare uno stralcio del libro imperdibile di Pino Frisoli e Massimo De Luca “Sport in TV: storia e storie dalle origini a oggi”, che cerca di riportare alla mente quelle giornate televisive:

Eravamo in uno dei momenti più drammatici della storia repubblicana italiana, nel pieno del sequestro di Aldo Moro da parte delle Brigate Rosse. In Tv nel giorno di Pasqua c’era la “Domenica in” di Corrado sulla Rete Uno e “L’altra domenica” di Renzo Arbore sulla Rete Due. Alle 20.40, sulla Rete Uno e sulla Rete Due, due repliche per la prima volta a colori, la terza puntata dello sceneggiato “Le avventure di Pinocchio”, del 1972, e la seconda puntata della commedia musicale “Mai di sabato signora Lisitrata”, registrata nel 1971. Per lo sport, sulla Rete Uno alle 16.45 “90° minuto” seguito alle 18.15 dalla sintesi di una partita di Serie B e alle 21.40 da “La Domenica Sportiva”. Sulla Rete Due alle 15.30 “Diretta sport”, con la partita di Serie A1 di basket Gabetti Cantù-Cinzano Milano, alle 19.00 la sintesi di un tempo di una partita di Serie A e alle 20.00 “Domenica sprint”.
Seguite con attenzione il blog di Pino Frisoli: http://pinofrisoli.blogspot.it/

Quella domenica la partita da primo campo collegato era Genoa-Juventus. Finisce 2-2 e quello che si fa ancora ammirare è la capacità acrobatica di un Boninsegna trentacinquenne e la difficoltà estrema di segnare ad uno Zoff a cui bisognava tirare più volte prima di far entrare dentro il pallone.

Visto oggi il clima in quegli anni era davvero spaventoso. Alla fine della partita ci furono gravi incidenti e quelli che L’Unità indica come “giovani teppisti” avevano sparato contro macchine targete Torino. Si sparava così spesso da far passare una cosa del genere come quasi normale (l’accenno degli spari di rivoltella era inserito a fine pezzo, che noltre aveva in pagina poca visibilità).
Il Napoli di Gianni Di Marzio galleggiava nella mediocrità ma quella fu la domenica di Massimo Mattolini, autore di parate a ripetizione, riuscendo a neutralizzare il rigore di Mascetti e dando di fatto la vittoria ai partenopei grazie ad un gol di Livio Pin.
Tornando all’Olimpico, distante 10 km da via Montalcini dove Moro era tenuto prigioniero, quel giorno c’era Roma-Lanerossi Vicenza, la squadra rivelazione di Gibì Fabbri e di un’ex ala destra convertitosi centravanti e capocannoniere del campionato, Paolo Rossi. La partita finisce 1-1 con gol di Guidetti per il Vicenza e autorete di Prestanti. Il Lanerossi lamenta un paio di rigori non dati e, a proposito di sudditanza psicologica, il presidente Farina a fine partita dice: “Un arbitro del genere poteva andar bene per il vecchio Vicenza, non per quello attuale terzo in classifica che andrebbe meglio tutelato”.
Sempre Arpino su La Stampa quella domenica titola il suo editoriale “La Juventus contro tutti”, intuendo che quella di Genova sarebbe stata solo una partita di passaggio (e così sarà perché pareggia anche il Torino in casa contro il Perugia e tutto resta uguale in classifica) verso il confronto di mercoledì-domenica succcessiva contro il Bruges in Coppa dei Campioni e il Torino in campionato.