Archivi tag: Svezia

TUTTI I GOL DI ANASTASI IN NAZIONALE

Pietro Anastasi esordisce, segna la prima rete in Nazionale, diventa campione d’Europa, Cavaliere della Repubblica e l’uomo del calcio italiano del futuro in pochi giorni, nei primi giorni di giugno del 1968. Il primo gol con l’Italia è il 2-0 contro la Jugoslavia nella finale degli Europei. Un gol fantastico, di chi osa perché non ha passato, solo presente.

Si inizia a pensare subito al Mondiale messicano di due anni dopo e per questo motivo si va in Centro America per una tournée d’ambientamento. Si gioca il 1° gennaio 1969 e proprio contro i padroni di casa ci si diverte. Una bella Italia vince 2-3 e Pietruzzo segna il secondo gol. Sarà Riva all’89’ a farci vincere vincere (Anastasi segna di rapina, mentre Riva fa due gol fantastici).

Il terzo gol ha un peso specifico non tanto per la partita, che è un’amichevole, ma per l’ambientazione, la partita contro la Spagna del 21 febbraio 1970 giocata al Santiago Bernabeu. Si, proprio quella dei due autogol di Salvadore che gli costarono Mexico ’70. Anastasi segna il primo gol, di furbizia, forza di volontà e bravura tecnica.

I Mondiali passano ma Anastasi non parte per il Messico. Deve operarsi ai testicoli per uno scherzo di un massaggiatore, almeno così vuole la leggenda, e Boninsegna si prende tutto. Riconquistare la Nazionale non è facile e dopo un po’ di partite all’asciutto è ancora la Jugoslavia a ridargli serenità. Entra dalla panchina al posto del nuovo numero 9, Chinaglia, e segna dopo nove minuti il 3-1 contro la Jugo nella partita di Torino del 20 settembre 1972.

Il girone per Germania ’74 è molto facile, con la sola Turchia a poter impensierire gli Azzurri. La partita di Istanbul è decisa proprio da Anastasi con questo gol. Non è un gol da poco perché l’andata in Italia era terminata 0-0 e un po’ di apprensione l’avevamo.

Prima dei Mondiali voliamo. Vinciamo contro il Brasile e l’Inghilterra. Contro i verdeoro segnano Riva e Capello, contro gli inglesi, timbra anche Pietro, di rapina come spesso faceva.

Nella partita successiva, anche se passano 3 mesi, non ci fermiamo: altro 2-0 contro la Svezia con gli stessi marcatori. Sempre Anastasi e Riva che ormai vanno a gonfie vele insieme. Sono questi equilibri costruiti con delicatezza che salteranno per aria in Germania e ci faranno naufragare subito. Il suo gol è stupendo, quello di Riva viene da un suo colpo al volo. È una di quelle partite che Anastasi dominava con la sua intensità.

Quartultima partita in azzurro, prima di Germania 1974, quella in cui tutto inizia a crollare. Andiamo in svantaggio contro Haiti e vediamo una nuova Corea. La riprendiamo e Anastasi, entrato al posto di Chinaglia che sfancula Valcareggi, segna il 3-1.

Il 100% che ormai non basta più

Mammarella e Menichelli, dopo l’eliminazione dell’Italia di Futsal nel girone iniziale degli Europei, hanno dato la stessa risposta in televisione: “Abbiamo dato il 100%, ma non è bastato”.
Vivendo con passione anche questa uscita di scena della nostra Nazionale, mi sono trovato in un déjà-vu tremendo. In un attimo mi sembrava di essere al 13 novembre 2017, quando Buffon e gli altri hanno perso contro la Svezia, dando la medesima risposta ai giornalisti.
Questa cosa del 100% poi è tornata un giorno quando ho parlato in confidenza con una persona seduta sulla panchina di Milano il quale mi ha confermato che i ragazzi hanno dato il 100%, ma non è bastato, bisognava dare il 110% o 120%.
Questo è una cosa che forse è cambiata rispetto al passato. Prima bastava appunto questo fatidico 100% per riuscire a reggere e spuntarla, oggi no. E non è neanche un problema di attenzione, tecnica o tattica, ma psicologica. Sentiamo un limite rispetto agli altri che, anche se ci sforziamo al massimo delle nostre forze, ci frena non facendoci imporre più quella superiorità psicologica in cui prima di tutto credevamo noi e poi imponevamo agli altri. Molti nostri avversari giocavano conoscendo quello che avremmo potuto fare e questo, invece che guidarli nelle contromosse, li bloccava, portandoli all’errore. Oggi invece quella consapevolezza è la base per conoscerci e superarci, non per temerci.
Su queste premesse, il nostro 100% non serve più per vincere. Prima era un parametro che decideva, oggi no. Bisogna trovare nuove strade, nuove idee. Non dico niente di rivoluzionario, ma è la consapevolezza di quello che ti manca a farti ripartire.

Qual è stato il tuo dolore calcistico più grande?

Italia-Svezia mi ha tirato fuori il dolore sportivo vero che non provavo da un po’.
Il dolore sportivo è ovvio (se non sei tifoso esclusivamente della nazionale di basket degli USA o di Connecticut nella NCAA del basket donne), necessario (io sono sicuro che i tifosi juventini vorrebbero perdere questo scudetto per poi rivincerlo con la cazzima il prossimo anno) e fortificante (se non ti fa effetto l’Italia fuori dal Mondiale, non ci parliamo nemmeno).
Detto questo, i miei dolori sportivi più grandi riguardano anche i primi ricordi in questo ambito. Il primo l’ho sentito alla fine della partita contro la Francia ai Mondiali del 1986. Il giorno di Italia-Germania Ovest 3-1 compivo 2 anni. Non ricordo nulla, ma qualcosa deve essermi rimasto di tutta la gioia che c’era stata. Per questo a fine partita iniziai a piangere come un disperato, tanto che mia madre dovette farmi la camomilla bollente, quando fuori c’erano ancora 28 gradi.
Il secondo invece è datato 1 maggio 1988 e fa riferimento alla sconfitta del Napoli contro il Milan di Sacchi, partita che diede lo scudetto ai rossoneri e negò il secondo scudetto consecutivo a Maradona & C.
Di questa partita un mio amico ha detto che è stato il momento esatto in cui ha iniziato a bere.

Qual è stato il tuo dolore sportivo più grande?

La partita che decide una carriera.

Quando venerdì sera Insigne entra in campo, una telecamera lo inquadra riuscendo a farci leggere il suo labiale. Si rivolge al centro del campo dove dovrebbero esserci De Rossi o Bonucci dicendo: “Devo giocare interno”. Poi dice una seconda frase: “Eh si, mi ha detto di giocare interno”. Questa seconda frase la dice con un atteggiamento e un’espressione come se l’interlocutore avesse chiesto con animosità maggiori delucidazioni.
Queste frasi mi hanno fatto ripensare alla riunione dei calciatori dopo il pareggio con la Macedonia. Tutti in questo mese hanno continuato a dire che è una cosa normale, che i calciatori da sempre chiedono delle riunioni senza staff tecnico per chiarire delle cose, in fondo sono solo una sorta di workshop motivazionali.
Dopo lo smarrimento di Insigne e l’ipotetica (non avendo il controcampo) incazzatura di De Rossi o Bonucci, a quel meeting  ho dato un altro valore.
Quella riunione non avviene per caso. Prima c’era stata la partita con la Spagna. Tutti ancora oggi dicono che i nostri guai e la nostra confusione viene da lì, da come è stata brutta quella sconfitta. Ma è dal sorteggio dei gironi che calciatori, giornalisti, staff tecnico e dirigenti della Nazionale hanno sempre detto che le probabilità di andare agli spareggi erano alte, rispetto alla qualificazione diretta, e che era una cosa scandalosa che Italia o Spagna avrebbero dovuto rischiare così tanto per andare ai Mondiali. Quindi perché la sconfitta con la Spagna ha creato così tanta confusione? Perché è avvenuta dopo che il nostro CT ha messo in campo una formazione assolutamente folle e questo i calciatori lo hanno subito compreso. Le grandi domande che ti fai dopo il 4-2-4 di Madrid non sono più dove ho sbagliato e abbiamo sbagliato, ma sono domande che riguardano la guida tecnica. Può mai un allenatore proporre in casa della Spagna un centrocampo con due soli uomini in mezzo a cinque spagnoli palleggiatori finissimi i quali possono essere messi in difficoltà solo intasando proprio quegli spazi di gioco come ha fatto Conte all’Europeo? Può mai un allenatore schierare titolare nella partita decisiva Spinazzola dopo che non aveva mai giocato nel precampionato? Può mai un allenatore della Nazionale pensare di imporre per forza di cose il suo modulo senza adeguarsi ai contesti, ai calciatori della Nazionale e volere sopra tutto arrivare all’obiettivo di giocare con l’idea tattica che ha in testa?
Secondo me, facendo investigazione da divano ovviamente, questi sono stati i temi di quella riunione e le conseguenze si sono viste. Contro la Svezia l’Italia ha giocato come hanno voluto/deciso i calciatori, soprattutto il “comitato interno” formato da Bonucci, Barzagli, Chiellini e De Rossi, avallato ovviamente dai dirigenti, riuscendo in pratica ad esautorare il CT.
Questa premessa porta ad una sensazione finale che, appunto, verrà alla fine.
Il titolo del post è molto chiaro e molto vero. Per sempre chi perde questa partita, eccetto in parte i campioni del mondo, sarà il calciatore che non è riuscito ad andare ai Mondiali. La partita quindi dirà davvero chi sono i nostri calciatori, frase fatta usata troppe volte, ma che questa volta vuol dire letteralmente definire il ricordo di un calciatore da qui in avanti. Schiaffino, che è stato Schiaffino, per quai tutti quelli che all’epoca c’erano e ci sono ancora è il calciatore svogliato che a Belfast si è fatto sotto dalla paura. Purtroppo è così e vale anche per chi domani scende in campo.
Per questo motivo, molti calciatori domani dovranno rispondere a domande essenziali per la loro carriera e per la loro definizione nella storia del calcio italiano.
BUFFON: Forse lui ha davvero poco da dimostrare, può serenamente vincere un altro scudetto e magari restare proprio in Nazionale. Ma anche Buffon sa benissimo che perdere questa partita vuol dire macchiare una carriera incredibile. E quando la macchia, per piccola che sia, è su un panno lucente, si vede ancora di più. Lui dovrebbe dare gocce (facciamo un mezzo litro va) di leadership a un po’ di gente e deve farlo in pochissimo tempo.
BONUCCI, BARZAGLI, CHIELLINI: Devono superare una prova difficilissima, non replicare la partita contro l’Uruguay del mondiale brasiliano. Se la loro partita sarà di soli nervi con eventuali problemi disciplinari, sarà difficile vincere la partita. La prima cosa che ha detto Ventura alla fine della partita di Solna è che l’arbitro di Milano dovrebbe accettare le stesse cose dell’arbitro in Svezia e questa cosa promette terribilmente male. Riusciranno i tre difensori azzurri a restare lucidi?
GAGLIARDINI: In una sola partita gli viene chiesto, nel caso in cui giochi, di diventare grande. Ci riuscirà?
INSIGNE: Insigne deve farci capire se senza Sarri è un giocatore internazionale o uno che potrebbe far bene dal Chievo in giù. C’è un bell’abbisso.

EL SHAARAWY: Sette anni fa la coppia Balotelli-El Shaarawy era la Nazionale del futuro. Sul primo non ho altro da aggiungere, mentre il secondo, dopo tutto quello che ha passato, può mettere una sua firma, può dire alla storia, magari quella in minore, che lui è esistito e non se n’è sentito solo vagamente parlare.

IMMOBILE: Le due volte che doveva dimostrare di essere un grande calciatore ha fallito, Dortmund e Siviglia. Fare i gol contro il Genoa di Juric non mi sembra da matita rossa. È un giocatore vero o è un attaccante che nella pochezza italiana vince facile appunto per pochezza altrui?
Stasera tutte queste domande troveranno una risposta.
Torno alla sensazione venuta fuori dalla premessa. Se davvero l’Italia in questo momento è autogestita, vuol dire che Ventura è esautorato ma allo stesso tempo non era esonerabile prima di uno spareggio mondiale.
Se, un se enorme perché come siamo  messi non passiamo, l’Italia va in Russia, Tavecchio licenzia lo stesso Ventura e prende Ancelotti per i Mondiali.